Le nuove tecnologie ci permettono di migliorare le terapie in modo costante.

Oggi grazie alle tecniche innovative impiegate negli apparecchi sanitari è possibile sfruttare gli infrarossi in tante terapie e ridurre così il dolore e il disagio provocato da patologie di varia natura.

L’infrarosso terapia è una tecnica fisioterapica che sfrutta a scopo terapeutico gli effetti biologici prodotti nei tessuti dai raggi infrarossi , i quali sviluppano calore superficiale che penetra di poco la cute ed il tessuto muscolare, ed hanno un potere di penetrazione limitato, per cui vengono rapidamente assorbiti dagli strati superficiali della pelle. I raggi infrarossi sono onde elettromagnetiche e vengono così chiamati per la vicinanza al colore rosso dello spettro della luce visibile. Questa tecnica è controindicata nei soggetti ipersensibili, fotosensibili e cardiopatici.

 

Le Patologie e i disturbi  in cui si usa la infrarosso terapia sono:

Contratture muscolari, dolori post-traumatici, piaghe da decubito, artrosi cervicali, dorsali e lombari, torcicollo, disturbi dell’apparato circolatorio e scheletrico.

L’effetto biologico principale dei raggi infrarossi è l’effetto termico.

Nell’effetto termico i raggi infrarossi producono calore quando vengono assorbiti dai tessuti circostanti.Il calore prodotto in parte viene disperso nell’ambiente ed in parte viene trasmesso nei tessuti profondi per conduzione e per mezzo dei liquidi circolanti.

L’aumento della temperatura provoca, come effetti secondari, l’aumento del metabolismo dei tessuti, vasodilatazione dei capillari e delle arteriole e rilasciamento muscolare. Questi effetti interessano prevalentemente i tessuti superficiali.

Gli effetti terapeutici degli infrarossi sono dovuti prevalentemente all’aumento della temperatura nei tessuti irradiati e sono rappresentati da:

  1. Rilasciamento muscolare

  2. Analgesia

L’effetto antalgico degli infrarossi viene attribuito alla rimozione delle sostanze algogene dai tessuti patologici e al rilassamento dei muscoli contratti.

 

3. Effetto trofico

L’aumento del flusso sanguigno, che fa seguito alla vasodilatazione, fa pervenire nei tessuti una maggiore quantità di sostanze nutritizie, ossigeno, globuli bianchi ed anticorpi e facilita la rimozione dei cataboliti dai tessuti.

Queste modificazioni biologiche migliorano il trofismo dei tessuti, facilitano la riparazione dei danni tissutali ed accelerano la risoluzione degli infiltrati infiammatori su base cronica.


 

Prenota una seduta di infrarosso

Compila il seguente form, verrai ricontattato da un nostro operatore